Home > Journals > Esperienze Dermatologiche > Past Issues > Esperienze Dermatologiche 2010 September;12(3) > Esperienze Dermatologiche 2010 September;12(3):161-5

CURRENT ISSUE
 

ARTICLE TOOLS

Reprints

ESPERIENZE DERMATOLOGICHE

A Journal on Dermatology


Journal of Istituto Dermatologico San Gallicano
Official Journal of the Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani - A.D.O.I.
Indexed/Abstracted in: EMBASE, Scopus

 

CLINICAL CASES  


Esperienze Dermatologiche 2010 September;12(3):161-5

language: English, Italian

Terra firma forme dermatosis of the areola

Passarini B., Therianou A., Infusino S. D., Kasapi E., Salfi N. C. M.

1 Divisione di Dermatologia, Dipartimento di Medicina Clinica Specialistica e Sperimentale, Ospedale S. Orsola-Malpighi, Bologna;
2 Unità Operativa di Anatomia e Istopatologia, Dipartimento di Ematologia, Oncologia e Medicina di Laboratorio, Ospedale S. Orsola-Malpighi, Bologna


PDF  


La terra firma forme dermatosis (TFFD) è una dermatosi che fu descritta per la prima volta nel 1987 da Duncan. È una patologia benigna e si presenta come una pigmentazione cutanea localizzata che può essere rimossa soltanto lavandola con alcool isopropilico. La sua causa è ancora sconosciuta. Si può manifestare in qualsiasi età, sesso e regione corporea. La diagnosi differenziale include numerose patologie. Gli autori presentano il caso di una ragazza di 16 anni di età con una lesione lineare iperpigmentata asintomatica a livello del capezzolo e areola destra. La biopsia aveva escluso la diagnosi di nevo epidermico lineare. È stata quindi sospettata la dermatosis neglecta, ma la lesione è stata lavata con acqua e sapone, senza alcun risultato. Quindi, la lesione è stata lavata facilmente con alcool, con conferma della diagnosi di TFFD. Finora, solo 17 casi sono stati pubblicati in letteratura e questo è il primo che si manifesta localizzato a livello del capezzolo con un pattern lineare. Avendo recentemente diagnosticato nove casi di cloracne, la cui patogenesi è pressoché conosciuta, e avendo notato aspetti istologici simili con la TFFD, gli autori forniscono un’ipotesi di patogenesi di quest’ultima, tuttora sconosciuta. I dermatologi devono conoscere questa dermatosi. Nonostante il suo trattamento sia molto semplice, essa viene spesso misconosciuta

top of page

Publication History

Cite this article as

Corresponding author e-mail